Dog Walking a Spigno Vecchio

Sport, cultura, natura e amicizia a 6 zampe nel territorio di Spigno Saturnia Superiore.

Continuano le camminate in compagnia del proprio amico quadrupede, organizzate dall’associazione Maremoto, con la guida naturalistica Linda Contreras e l’educatrice cinofila Adele Adipietro, ai piedi dei Monti Aurunci, nel territorio di Spigno Vecchio, immersi nella natura ai confini del Parco dei Monti Aurunci.


La terza domenica, quella svolta lo scorso 23 maggio, organizzata per dare la possibilità agli amanti dell’attività all’aria aperta di condividere un’esperienza in montagna in tutta sicurezza con i consigli di Adele e scoprendo i segreti del territorio con Linda. Ma l’allenamento è anche per lui, il nostro amico più fidato, il cane, con il quale abbiamo finalmente la possibilità di condividere questa bellissima esperienza in montagna.

Il dog walking è una disciplina sportiva che coinvolge il cane e il suo padrone in una salutare camminata sportiva, all’aria aperta, di lunga durata, il cui scopo è di migliorare la qualità della vita di entrambi attraverso il movimento.
L’ itinerario odierno, altamente suggestivo , si snodava ad anello nel comune di Spigno e con l’ausilio del singolare tandem di professionisti, con il compito di illustrare le peculiarità del territorio e per i padroni il corretto comportamento da tenere in compagnia del proprio cane in natura.
Il tandem, con grande soddisfazione dell’organizzazione, è stato particolarmente apprezzato dai partecipanti che si sono detti pronti a partecipare ad altre escursioni e addirittura a proporle.
L’associazione Maremoto di certo non li farà attendere ed ha già organizzato la prossima uscita sul territorio il prossimo 6 Giugno a Campello di Itri.

Per informazioni sul prossimo evento:
https://www.camminodegliaurunci.org/eventi/campello/

Quella Vecchia Locanda

Immersa nel borgo di Spigno Saturnia Superiore alle pendici del parco degli Aurunci, a dieci minuti da Formia e Minturno, alla fine della prima tappa del Cammino degli Aurunci a piedi e in Mountain Bike.
Un locale tradizionale, di cucina di pesce del Golfo e di terra degli Aurunci, i monti nati dal mare. Gustosi piatti della tradizione contadina con la cucina curata dall’esperienza quarantennale dello chef Domenico, affiancato dalla figlia la lady Chef Chiara, che cura anche gli allestimenti. In sala vi attende la simpatia di Reginella.

Menu tipo in convenzione:
Antipasto Aurunci
Marzolina, Salsiccia, Bruschetta, Zeppolone
Primo piatto: Casarecce carciofi e speck
Secondo piatto: salsiccia e patate
Dolci tradizionali
(Ciambelline al vino tozzetti)
Un calice di vino a persona
Una bottiglia di acqua
Euro 20 (senza il secondo 15€)

Alla carta: Convenzione con la Credenziale del Cammino Sconto 20%

Aperto tutti i giorni escluso il martedì. Sabato e domenica anche a pranzo. Prenotazione obbligatoria

Lo trovi a Spigno Saturnia Superiore in via Roma 0771-64653

B&B da Mariella

Mariella B&B

 

Un ambiente accogliente lungo la prima tappa del Cammino

Mariella +39 333 658 4207

Mariella +39 333 658 4207

Convenzione Credenziale

Sconto 10%
€60
54 da Marzo a Dicembre
  • Prezzo per 2 persone in camera doppia
Special

La nostra accoglienza ...

Soggiorno
  • 3
    Camere
  • 6
    Letti
  • 3
    Bagni
Servizi
Per il viandante

Contatta la struttura

Gli Eventi del Cammino

Nessun evento trovato!

Le Avventure del Cammino

Test Form

Alimentazione e trekking

I consigli di Elvira Di Maccio

Ho sempre adorato il trekking e tutte le sue sfumature.

La sera, prima di partire, preparo con accuratezza il cibo da portare con me. È parte imprescindibile del viaggio che andrò a compiere, breve o lungo che sia.

Pianificare i pasti mi fa sentire radicata, specie quando sono in movimento. Psicologicamente mi rassicura!

Ma quali caratteristiche devono avere gli alimenti che mettiamo nello zaino?

Sicuramente devono essere pratici da preparare e da mangiare…e al tempo stesso nutrienti e leggeri.

Cosa portare principalmente?
L’esperienza insegna che quando si è in cammino il corpo ha bisogno principalmente di acqua, per cui una borraccia è fondamentale: in base alla durata del nostro percorso e alla temperatura esterna, sceglieremo se portarne una o due…oppure possiamo informarci sulla presenza, lungo il percorso, di fonti d’acqua. Sconsiglio di aggiungere integratori idrosalini, specie se il percorso non è impegnativo. Il corpo è perfettamente in grado di affrontare il cammino.

Il secondo elemento importante, che contiene acqua, vitamine e zuccheri semplici è la frutta: sceglieremo la migliore che si riesca a digerire e soprattutto stagionale.

Segue poi la presenza nello zaino di barrette energetiche, come snack da utilizzare appena lo stomaco brontola: questo puo’ accadere se ci mette in cammino molto presto, fungendo quindi da “seconda” colazione.
Vi consiglio di preparare questa ricetta, poiché quelle confezionate sono più pesanti da digerire.

Anche gallette e crackers sono una fonte energetica veloce e comoda mentre si cammina.

E quando ci fermiamo per la pausa pranzo? Cosa tirare fuori dallo zaino?

Personalmente, preferisco un cereale come riso basmati, miglio, quinoa o cous cous, da mixare con una verdura e una proteina animale leggera come uova o latticini freschi, come primo sale o feta. Clicca qui per vedere un’idea semplice e veloce da preparare.
Se si è vegani, si potranno utilizzare i legumi come fonte proteica, preferendo quelli meno pesanti, come lenticchie e piselli.

Possiamo anche far diventare la vostra schiscetta, delle simpatiche polpette, ancor più facili da mangiare perché non richiedono l’uso della forchetta

Chiaramente i quantitativi del piatto che andremo a preparare variano in base al metabolismo, alla durata della siesta e al tipo di percorso che ci aspetta nella seconda metà della giornata.

Qui vale la regola “meglio mangiare poco e spesso che troppo in un unico pasto”.

Fuori dallo zaino…
Sicuramente la colazione dovrà essere ricca e appagante: quella salata è di gran lunga da preferire per non “rallentarvi”, ad esempio i pancake con uova o pancake veg…ma anche la sola presenza del pane tostato basterà, magari mixato a miele e noci o crema di mandorle.

Se si percorre un cammino di più giorni, cosa cenare la sera?

Beh, a meno che non si prenda parte a una braciata conviviale di gruppo, consiglio di restare lontano da tutto ciò che affatica troppo il fegato, pena una cattiva qualità del sonno e della digestione.
Infatti, un bel piatto di pasta sarà il regalo migliore che si possa fare all’organismo per “ricaricare le pile”, associando una verdura e una piccola quantità di proteine. Evitiamo i dolci la sera, ma al limite, se si e’ golosi, concediamoci un gelato a fine percorso (quindi nel pomeriggio) o un dolcetto preparato in casa, come quelli al cocco.

E adesso andiamo a letto presto, domani ci aspetta una grande giornata.

Abbi cura di Te e nutriti soprattutto della bellezza della Natura che ti circonda

Ti auguro buon cammino…e ricordati di abbracciare un Albero.

Elvira

www.terapiaalimentarefelice.it

Abbigliamento per trekking

Il CAI consiglia:

Maglietta

E’ bene averne almeno una di ricambio. Le migliori sono sicuramente quelle tecniche, soprattutto leggere e traspiranti. Si asciugano velocemente al sole e a contatto con il corpo.

Pile

Caldo, leggero e traspirante. Ci sono infiniti modelli dai più pesanti ai più leggeri. Può essere utile avere un modello leggero e uno più pesante a seconda della stagione e della quota dell’escursione.

Pantaloni da escursionismo

In genere sono da preferire pantaloni lunghi per la massima protezione lungo il sentiero e anche per il freddo (ricorda: anche se la giornata è calda, il freddo può essere sempre in agguato, soprattutto in montagna). Sono da evitare pantaloni in jeans o tute da ginnastica: sono pesanti e se si bagnano si asciugano molto lentamente e non aiutano il movimento. I modelli più adatti sono quelli più tecnici: leggeri, resistenti, si asciugano velocemente e danno libertà di movimento. Ci sono anche modelli modulari che consentono di trasformare i pantaloni in short grazie a una cerniera sulle gambe, comodi soprattutto nelle giornate calde (consigliati).

Soft shell

Sono giacche leggere, calde (spesso sono foderate in pile per proteggere meglio dal freddo), antivento e idrorepellenti. Sono inoltre resistenti alle abrasioni, abbastanza elastiche da permettere una buon libertà di movimento e disperdono l’umidità generata dal corpo verso l’esterno.

Mantella

Assolutamente impermeabile, protegge dalla pioggia lasciando libere le mani e proteggendo anche lo zaino (se non provvisto di copri zaino). In genere è in poliestere ed è cerato: alla lunga non ci si bagna per la pioggia ma per la condensa al suo interno dovuta al sudore (soprattutto se si cammina in salita!). Insomma, appena finito di piovere, meglio togliersela subito.

K-way

Utile per proteggersi dal vento, può essere utilizzato assieme a un bel pile e può resistere anche a brevi pioggerelle. Non è consigliabile con giornate fredde e/o piovose.

Guscio

È la giacca in Goretex. Molto costosa, protegge dal vento, dalla pioggia e lascia traspirare il corpo.

Calzettoni

Sono da evitare i “vecchi” calzettoni di lana che sono pesantissimi e fanno sudare il piede. I “nuovi” modelli sintetici sono pensati per avere un’ottima vestibilità e per minimizzare i fastidi ai piedi (sfregamenti e vesciche), con rinforzi sul tallone e sulle dita. Per uscite di due giorni meglio avere dei calzettoni di ricambio.

Scarponi

In commercio ci sono molte tipologie di scarponi. In genere si possono suddividere in due gruppi principali: gli scarponi bassi e quelli alti. I primi sono adatti a passeggiate pianeggianti e poco sconnesse. I secondi (consigliati) proteggono anche la caviglia evitando (o minimizzando) il problema delle distorsioni che si possono verificare lungo il percorso (magari perché si è messo male il piede sul sentiero). Importante è anche la suola: deve avere un buon “grip” sul terreno. Questo dipende un po’ sia dalla mescola sia dal disegno della suola stesso (un po’ come le gomme delle automobili). In genere i modelli in commercio hanno già un buon compromesso di tenuta. Importante è anche l’impermeabilizzazione dello scarpone per evitare che nell’attraversamento di piccoli torrenti o nelle giornate di pioggia il piede si bagni e rimanga bagnato assieme al calzettone tutto il giorno, causando anche qualche fastidio di troppo! Anche la taglia è importante: non deve essere troppo grande ne troppo piccola. Se troppo grande il piede tende a muoversi all’interno e questo potrebbe provocare vesciche ai piedi e, in genere, una minore sicurezza nei movimenti. Se troppo piccola il dolore sarà in agguato in tempi brevi! In linea di massima il consiglio sarebbe di prendere una taglia in più in modo tale da compensare con il calzettone la differenza senza essere costretti a cambiare il modello l’anno successivo. Ovviamente il tutto poi dipende da come calza lo scarpone e quanto cresce il piede!

Materiali per un’escursione

Borraccia

L’acqua è un elemento fondamentale lungo un’escursione in montagna: rimanere senza può essere un vero problema. Si consiglia il modello da 1 L. In genere le borracce sono in alluminio e sono leggere. In alternativa si possono portare anche le bottigliette di plastica (da riportare, però, a casa!).

Occhiali da sole e crema solare

In montagna il sole picchia duro! Meglio proteggersi gli occhi con gli occhiali da sole e utilizzare la crema solare (non quella fattore 5 da mare ma almeno da 15 in su). Meglio averli sempre nello zaino.

Cappello da sole

Viene fornito dalla sezione. Bellissimo e da portare sempre con noi assieme alla maglietta!

Guanti

Utili nelle giornate fredde o alla sera. Possono andar bene quelli in pile (se non c’è neve).

Per più giorni …

Sacco lenzuolo

Il sacco lenzuolo è un elemento fondamentale e obbligatorio per il pernottamento nei rifugi. Sostituisce le lenzuola (che il rifugio non fornisce) ed è fondamentale per l’igiene propria e degli altri dato che permette di non stare direttamente a contatto con materassi, coperte di lana e cuscini utilizzati da tutti. In commercio ci sono vari tipi di sacchi lenzuoli: possono diversificarsi dal materiale (cotone, più pesante ma meno costoso, oppure in seta, più leggero ma più costoso) e dal tipo di federa che viene utilizzata per il cuscino. In genere si sconsiglia l’uso di sacchi a pelo a causa del maggior ingombro e peso rispetto al sacco lenzuolo.

Torcia frontale

Molto utile soprattutto per il fatto che in rifugio alle 22, normalmente, vengono spente tutte le luci.

Abbigliamento e materiali invernali
  • Maglietta e calzamaglia termica
  • Pile
  • Pantaloni da escursionismo pesanti invernali impermeabili
  • Ghette
  • Guscio o giacca pesante
  • Guanti invernali
  • Berretta
  • Scaldacollo

Dal sito www.caicalco.it

Sport e benessere a 6 zampe nel Parco Naturale dei Monti Aurunci

“Ad ognuno la sua guida” … sarebbe questo il nome giusto per l’evento che si è svolto il 25 Aprile sull’anello di Acquaviva nel territorio dei Monti Aurunci: un Dogwalking  in compagnia di una guida naturalistica e di un educatore cinofilo. 

Non si è trattato di una semplice passeggiata ma di un percorso di benessere per cani e padroni che hanno potuto unire l’attività sportiva alla conoscenza del territorio aurunco, con le sue peculiarità raccontate dalla guida naturalistica Linda Contreras del Centro Guide Turistiche di Gaeta.

Tanti sono stati i preziosi consigli dispensati dall’educatrice cinofila Adele Adipietro dell’Olimpo del Cane di Formia, dalla preparazione dello zaino, per le esigenze del cane in montagna, alla gestione dell’escursione in ambiente montano con tutte le difficoltà che può presentare per l’amico a 4 zampe.

L’evento, promosso dall’Associazione Maremoto, è il primo di una serie di appuntamenti dedicati a questa disciplina che abbina l’attività fisica del padrone e del cane unitamente alla conoscenza del territorio, dal punto di vista naturalistico, storico, delle tradizioni e della enogastronomia.  

Questa prima edizione è stata riservata necessariamente ai soli residenti del Comune di Formia, essendo in fascia arancione e si è svolto nel rispetto della normativa anticovid, grazie anche all’ausilio di ricetrasmettitori individuali, che hanno permesso di ascoltare le guide durante l’escursione nel rispetto del distanziamento. 

Per informazioni sulle prossime escursioni è possibile seguire la pagina facebook  dell’Associazione Maremoto,  oppure  la sezione Eventi del sito

Vacanza nel Borgo

Vacanza nel borgo

Appartamento indipendente nel centro del borgo di Maranola, si compone di due livelli, al piano terra cucina, soggiorno e un bagno, al piano superiore due camere da letto e un secondo bagno.

Benedetta +39 366 110 2718

Benedetta +39 366 110 2718

Convenzione Credenziale

€65
50
  • Prezzo per 2 persone in camera doppia
Special

La nostra accoglienza ...

Soggiorno
  • 2
    Camere
  • 4
    Letti
  • 2
    Bagni
Servizi
Per il viandante

Contatta la struttura

Gli Eventi del Cammino

Nessun evento trovato!

Le Avventure del Cammino

Casa Sestina

Casa Sestina

Antica dimora d’arte con giardino

Tra le mura medievali del centro storico di Maranola, un’antica dimora d’arte con giardino pensile affacciato sul golfo di Gaeta e una stanza segreta scavata nella roccia.

La nostra dimora è costruita a ridosso delle antiche mura di cinta del borgo, dotata di un incantevole giardino pensile con vista mozzafiato tra le montagne e il golfo di Gaeta. In questa dimora si tengono le residenze degli artisti del festival d’arte contemporanea Seminaria, che si svolge ogni fine agosto a Maranola. Circa 70 mq per accogliere comodamente 4 ospiti, 40 mq di giardino, un’ampia camera da letto matrimoniale con vista da un oblò sulle montagne, un bagno, cucina e soggiorno con divano-letto. Dal giardino si accede a una romantica dependance, dove un letto costruito tra le rocce è l’ideale per le dormite dell’assolata controra o per qualche ospite di passaggio. Il giardino ha anche un piccolo orto, di cui ogni ospite è invitato a prendersi cura durante la residenza e raccogliere i frutti. Grazie alle larghe mura medievali di cui è costruita, la dimora è fresca d’estate, mentre è calda d’inverno tramite impianto di riscaldamento centralizzato.

La casa è dotata di wi-fi, frigorifero, forno, lavatrice, riscaldamento.

Marco +39 347 436 8329

Marco +39 347 436 8329

Convenzione Credenziale

€80
60
  • Prezzo per 2 persone in camera doppia
Special

La nostra accoglienza ...

Soggiorno
  • 2
    Camere
  • 4
    Letti
  • 1
    Bagni
Servizi
Per il viandante

Contatta la struttura

Gli Eventi del Cammino

Nessun evento trovato!

Le Avventure del Cammino